Testimonianze

“La mia grande gioia è servire Dio e il Suo popolo attraverso l’incoraggiamento delle Suore di Sant’Anna”. Sono Editha Salipot, sposata, e ho conosciuto le Suore di Sant’Anna nell’anno 2007 quando sono stata invitata da una di loro a far parte del Gruppo che inizialmente si era formato per trasmettere ai laici il carisma e la missione della Congregazione, fondata da una coppia, Carlo Tancredi e Giulia di Barolo. È stato molto interessante imparare come queste persone, nobili e ricche, sono state capaci di dedicare la propria vita e la ricchezza al servizio dei bisognosi e dei miserabili, nella società del loro tempo. La loro vita è stata davvero significativa e siamo stati incoraggiati anche noi a compiere opere di carità, a evangelizzare e dare consiglio alle famiglie povere nelle nostre vicinanze, specialmente a coloro che sembrano vivere senza il senso di Dio nelle loro miserabili condizioni. È stato attraverso l’incontro con queste situazioni che ho imparato a diventare misericordiosa e gentile verso le persone meno fortunate, allo stesso tempo, ho cambiato il mio atteggiamento orgoglioso e indifferente. Facendo così, ho cominciato a gustare ed amare gli incontri con il gruppo, come anche incontrare i poveri, i malati, le persone sole, quelli che vivono in baracche.

Noi, il Gruppo LASA, partecipiamo alle sofferenze delle famiglie in lutto, i cui cari sono mancati e preghiamo con loro durante le veglie. Collaboriamo con le Suore nel programma di alimentazione dei bambini di strada ogni sabato. Sant’Anna, festa di famiglia: Ci sentiamo privilegiati nel partecipare alle varie attività delle Suore, come la pratica della devozione a Sant’Anna per l’intero mese di luglio, riunendoci ogni sera, nelle diverse famiglie che gioiosamente e volontariamente accettano la visita della statua di Sant’Anna nelle loro case. Soprattutto, ci riuniamo regolarmente per 263/15 l’Adorazione Eucaristica del SS.mo Sacramento, per la preghiera del Santo Rosario, per la condivisione della Parola di Dio e per le Celebrazioni Eucaristiche in particolari occasioni. Siamo anche orgogliosi di aver imparato a pregare la Coroncina dell’Amore Misericordioso e di avere il privilegio di essere presenti e partecipare ai vari eventi speciali delle Suore di Sant’Anna. Andiamo anche in pellegrinaggio, visitando Santuari e luoghi santi, trascorrendo il tempo fruttuosamente, pregando e fraternizzando insieme.

Pellegrini nel Giubileo della misericordia: Il più significativo pellegrinaggio che abbiamo fatto in un luogo più distante, è stato il Pellegrinaggio della Misericordia, quando noi con tutti i membri del LASA delle comunità della Delegazione, insieme alle Suore, abbiamo visitato le chiese designate per il Giubileo dalla Diocesi di Cubao, Quezon City. Il nostro gruppo, con grande fervore, ha fatto una “camminata della misericordia” passando attraverso le Porte Sante delle Chiese, offrendo preghiere per differenti intenzioni. È stata una “camminata della misericordia” perché è stato un percorso a piedi accanto al Dio Misericordioso, e abbiamo sperimentato momenti di grazia e di rinnovamento spirituale. Infatti, uno dei membri del gruppo ha detto: “sono grato a Dio per questa opportunità di essere riconciliato di nuovo con Lui: sento veramente il suo perdono perché ho versato nelle preghiere ogni cosa che il mio cuore pesante conteneva”. A molti di noi, questo giorno ha ricordato l’amore misericordioso di Dio e il santo compito di pregare per la fedeltà dei Cristiani Cattolici.

Un altro di noi ha sottolineato: “Non dimenticherò mai questo pellegrinaggio, specialmente la possibilità di passare attraverso le Porte Sante della Misericordia, perché ho fatto veramente l’esperienza del tocco compassionevole di Dio mentre ero inginocchiato in preghiera. Questa esperienza mi ispira a vivere ovunque la chiamata a diventare misericordioso con gli altri e accogliere la sfida della vera conversione e di un autentico impegno nel gruppo LASA”. Il tempo trascorso insieme come gruppo LASA è diventato più significativo perché cerchiamo le opportunità per incontrarci attraverso momenti di preghiera, pellegrinaggi, programmi di sensibilizzazione e uscite familiari. Come gruppo pianifichiamo e organizziamo come possiamo condividere le nostre piccole ricchezze con i fratelli e le sorelle meno fortunati di noi, anche se noi non siamo ricchi. Sono felice da quando la mia famiglia si è coinvolta in ogni attività del gruppo LASA.

Il cammino spirituale della mia famiglia: Nel tempo passato, la mia famiglia ed io eravamo vicine alle Suore di Sant’Anna e a tutti i membri del Gruppo a cui adesso appartengo. È stato davvero provvidenziale essere 16/263 uscita dalla mia situazione di inattività e comfort, per impegnarmi nelle attività dello spirito e di carità. Mi sento “piena” ogni volta che ho qualche cosa da condividere con gli atri e ho compreso soprattutto che non sono veramente povera come pensavo. Non sono ricca materialmente ma adesso sono “ricca” di amici, che condividono la ricchezza della compagnia reciproca, sono ricca di buone opere, di solidarietà e di fraternità. La mia famiglia ed io abbiamo imparato a confidare di più in Dio, così i problemi che incontriamo nella nostra vita quotidiana diventano meno pesanti. Ho imparato a glorificare di più Dio e a pensare meno a me stessa, così sono più felice e realizzata, perché trovo la mia vera gioia nel servire Dio nel mio ruolo di madre, di moglie e di donna.

Riguardo al passato, ricordo che la mia famiglia non era così serena e felice come lo è adesso, ma il fatto di esserci avvicinati a Dio ci ha fatto sperimentare le Sue innumerevoli benedizioni. Non abbiamo la ricchezza e il successo che questo mondo offre, ma adesso siamo una famiglia ricca nello spirito, negli affetti e nelle relazioni. Ho otto figli: sei femmine e due maschi, il maggiore ha 18 anni, mentre il più piccolo ne ha 7. Mio marito lavora molto per provvedere ai bisogni di ogni giorno e mi incoraggia a partecipare alle attività delle Suore di Sant’Anna. Anche i nostri figli sono diventati più fedeli alla preghiera, infatti loro stessi prendono l’iniziativa di pregare il rosario quotidiano alle 18.00, con la presenza del padre quando egli è a casa e non ha lavoro straordinario. Per tutto ciò la mia famiglia ed io siamo grati alle Suore di Sant’Anna che hanno contribuito a renderla unita e serena, rafforzando la nostra fede come cristiani, attraverso l’appartenenza al Gruppo LASA.

Editha Salipot Presidente del Gruppo LASA di Dama de Noche


FOTO